SPEDIZIONE GRATUITA PER TUTTI GLI ORDINI SUPERIORI A 69,99€

media

Allattamento, problemi comuni e soluzioni.

21/01/2021

Il latte materno è l’alimento migliore per i neonati, l’unico che permette loro di arrivare al proprio massimo potenziale biologico: li nutre in sotto tutti i punti di vista e li protegge da diversi disturbi e infezioni che si manifestano con più frequenza nei bambini alimentati con il latte artificiale.

L’allattamento al seno permette di:

  • rafforzare e consolidare il legame del piccolo con la mamma;
  • donargli un’alimentazione completa, piena di importanti valori nutrizionali;
  • difendere il neonato dalle infezioni;
  • dare benefici anche alla salute della mamma.

Non è sempre facile

L’allattamento al seno non è sempre così semplice e vogliamo partire da un punto importante: è normale trovare delle difficoltà, capita a una buona percentuale di neo-mamme.

Tali ostacoli possono riguardare diversi aspetti, come i problemi con l’attacco al seno o quelli della madre post-parto; per questa ragione, è necessario non forzarsi se non ce la si sente, così come è importante fornire supporto vero e preparato alle madri che vogliono allattare.

Le ragadi al seno sono tra i disturbi di cui più si parla (sono molto comuni) e capita porti le neo mamme a passare al latte artificiale, specialmente in quei casi dove i taglietti intorno al capezzolo causano la mastite, che è un’infiammazione causata dall’ostruzione dei dotti galattofori, conseguente a un’infezione batterica provocata, in genere, dallo Staphilococcus aureus.

È importante prevenirla e si può provare ad arginarla prima di passare al latte artificiale, in quanto l’allattamento stesso è un rimedio naturale per prevenire e contrastare la mastite. Può tornare utile applicare sulla cute l’olio di mandorle dolci, già negli ultimi mesi di gravidanza, per mantenerla idratata ed elastica.

In altri casi, può capitare che il bimbo non riesca a svuotare totalmente il seno, anche in seguito a un'abbondante produzione di latte; in queste situazioni, è necessario adoperarsi con un tiralatte che, oltre a ridurre il dolore al seno, darà la possibilità di rilassarsi e di lasciare utilizzare tale scorta al padre o a chi aiuta nell’accudire e nutrire il pargolo.

Chiedere supporto è una cosa normale

Chiedere aiuto nei primi mesi di allattamento non significa essere una cattiva madre, anzi, il supporto, è fondamentale per non accusare in stress inutili.

La frequentazione di un corso pre-parto è una buona pratica, si conosceranno l’importanza del contatto pelle a pelle per far partire la produzione di latte e si otterranno molti consigli sull'allattamento al seno.

Se da un lato i professionisti sanitari, come le ostetriche, gli infermieri e i medici, hanno una formazione standard in materia di supporto all'allattamento al seno, ci sono anche i sostenitori o consulenti tra pari, che sono madri che hanno allattato al seno i propri bambini, e che si sono formate per dare supporto con tutti i problemi quotidiani, come controllare se il bambino è attaccato bene al seno e se assume abbastanza latte.

Troviamo poi i consulenti per l'allattamento al seno professionali che hanno una conoscenza più approfondita e possono sostenere la neo-mamma a risolvere problemi più complessi, come quando il bambino non aumenta di peso o si rifiuta di attaccarsi.

Se vuoi approfondire l’argomento oppure chiedere semplici delucidazioni, non esitare a contattarci. Il nostro team di professionisti sarà lieto di risponderti.

Commenti: 0
Nessun commento
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non può essere pubblicato. I campi richiesti sono indicato con *