SPEDIZIONE GRATUITA PER TUTTI GLI ORDINI SUPERIORI A 69,99€

media

Asma nei bambini: come riconoscerla e cosa fare.

29/12/2020

L’asma è una delle patologie croniche più diffuse dell’infanzia e può svilupparsi nel bambino anche nei primi anni di vita.

Spesso passano inosservate ma tosse e respiro sibilante possono essere un campanello d’allarme per i genitori. Le vie aeree del bambino sono più strette e piccole rispetto a quelle di un adulto quindi i piccoli possono andare incontro a fenomeni di asma bronchiale anche come conseguenza a un raffreddore.

Riconoscere la patologia sin dai primi segnali è importante per intraprendere le terapie adeguate e permettere al bambino di crescere con un miglior stile di vita.

 

Essendo una patologia delle vie aeree i sintomi sono legati al respiro e si manifestano con: mancanza di respiro, sibili, oppressione toracica e tosse. Gli attacchi sono soprattutto di seguito ad attività fisica o nel sonno.

Il respiro sibilante è causato da un restringimento dei bronchi ed è molto frequente durante un raffreddore ma diventa preoccupante se persiste anche al di fuori di esso.

Le cause dell’asma sono legate a infezioni virali o fattori ereditari. Nel caso di infezioni o allergie ciò che scatena un attacco può essere polvere, muffa, peli di animali o pollini.

Individuare gli agenti scatenanti e eliminarli aiuterà di certo il bambino a scongiurare ulteriori attacchi.

Ai genitori soprattutto dei piccoli pazienti in età prescolare è consigliato tenere un diario dell’asma su cui annotare sintomi e frequenza delle crisi respiratorie così da tenere la situazione sotto controllo e nel caso di variazioni contattare immediatamente il medico. Il diario diventa utile anche per monitorare le situazioni in cui l’asma compare e individuare così gli agenti scatenanti della malattia.

Il genitore dovrà quindi rendersi conto della fame d’aria del bambino dopo il gioco o in situazioni di stress oppure al parco tra gli alberi. Diventa importante questo tipo di accortezza soprattutto nei primi anni per giungere a una diagnosi nel minor tempo possibile soprattutto se in famiglia ci sono altri casi di asmatici.

 

 

Se al piccolo paziente è stata diagnosticata l’asma ci sono due tipologie di cure: le prime sono per il trattamento dei sintomi; le seconde per migliorare la qualità di vita.

Per il trattamento della sintomatologia si fa appello ai corticosteroidi in via inalatoria e permette di controllare la malattia permettendo ai bambini di condurre una vita pressoché normale.

Negli ultimi anni la ricerca è avanzata verso nuovi farmaci monoclonali che agiscono in modo mirato sulle molecole responsabili dell’infiammazione.

È importante riconoscere i segnali e arrivare in maniera repentina a una diagnosi per permettere alle cure di funzionare. Prima si agisce e maggiori sono le possibilità di portare in regressione la malattia.

Commenti: 0
Nessun commento
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non può essere pubblicato. I campi richiesti sono indicato con *